Il Prato Fiorito su youtube

PROGETTO CASAMIA - marted́, 5 giugno 2012 ore 07:59

PENSIERI A CASAMIA

Sono Raffaele, Nicola, Annalaura, Francesco, Gianni, Cosimo, Giuseppe, Mariagrazia, Sara, Carmela, Samantha e Annamaria…e stasera voglio raccontare a tutti voi un’esperienza molto bella.

Sto diventando grande e nella mia vita ci sono attività molto belle, la scelta, ad esempio, è un’attività bella. Infatti, mi piace scegliere cosa fare con i miei amici, quando ogni mattina varco la soglia di Casamia.

Casamia è ormai casa mia, qui ci trascorro parte della mia giornata con i miei amici. Ci vado dal lunedì al venerdì, faccio la spesa, conto i soldi, cucino, riordino, sto tutto il tempo con gli amici, ci facciamo il caffè.

È bella Casamia perché è bello stare insieme a persone che mi danno il senso della serenità. Di solito va tutto bene, ma a volte ci sono delle difficoltà, allora ho imparato a non dire più “non lo so fare, non sono capace” ma ora so che posso chiedere aiuto all’altro e insieme superare le difficoltà.

Sto diventando grande, sto capendo cosa significa vivere da persona adulta e sto imparando ad assumermi delle responsabilità.

Ma io ho anche dei sogni: immagino il mio futuro a Casamia perché è il progetto del mio futuro. Anche se il mio futuro lo immagino in un’altra casa, molto più grande, senza tante barriere, dove poter ospitare tutti i miei amici, preparare un pranzo per i miei genitori e poter dormire qualche volta con i miei amici. Immagino Casamia piena di amici e sempre aperta. Ma il sogno non può rimanere nel cassetto, insieme, se vogliamo, possiamo realizzarlo. Molto è già stato fatto ma possiamo fare ancora di più.

Il mio ultimo pensiero va a tutte le persone che mi accompagnano e mi danno la mano e in modo speciale ai miei genitori. A loro oggi voglio dire che farmi crescere e vivere con dignità non significa tenermi per mano e tirarmi per la via che voi ritenete essere la più giusta per me; è invece mettermi in condizione di individuare i miei desideri e le mie aspirazioni ed aiutarmi a realizzarli. Voi lo state già facendo. Grazie.

       


« indietro